Le linee guida italiane sul transfer pricing

Home / Le linee guida italiane sul transfer pricing

Fabio Giommoni  in La circolare tributaria n. 44/2018

Con il D.M. del 14 maggio 2018 sono state emanate le linee guida italiane sul transfer pricing le quali richiamano la prassi internazionale rappresentata dalle linee guida Ocse (aggiornate nel 2017). Sul piano operativo le novità più significative riguardano l’applicazione del criterio semplificato, già previsto dall’Ocse, per la determinazione dei prezzi di trasferimento dei servizi infragruppo a basso valore aggiunto. Nell’ambito dell’accertamento risultano particolarmente rilevanti le precisazioni che nel caso, peraltro frequente, in cui dall’analisi di transfer pricing emerge un intervallo di prezzi comparabili, ogni punto dell’intervallo va considerato di libera concorrenza per cui l’Amministrazione finanziaria non dovrebbe più poter effettuare accertamenti basati sulla mediana dei valori comparabili.

Scarica il pdf

La gestione civilistica e fiscale delle differenze inventariali

Fabio Giommoni in Bilancio, vigilanza e controlli n. 2/2019 Le differenze inventariali sono un fenomeno fisiologico per le imprese commerciali e industriali, ma occorre che siano attentamente gestite, sia sotto l’aspetto civilistico, perché rappresentano costi per l’azienda,

Entriamo in contatto

Un network che non conosce confini.